Colorectal Anastomotic Stenosis: Lesson Learned after 1643 Colorectal Resections for Deep Infiltrating Endometriosis

0
Ultime novità in Ginecologia Benigna

Bertocchi, G. Barugola, M. Benini et al.

Journal of Minimally Invasive Gynecology 2018

A cura della Dottoressa Raffaella Ergasti

Commento del Professor Fabio Pacelli

 

L’endometriosi è una patologia ginecologica benigna che si caratterizza per la presenza di tessuto endometriale, sia nella componente ghiandolare che in quella stromale, al di fuori della cavità uterina.

L’endometriosi profonda infiltrante viene poi definita come un’endometriosi che infiltra lo spessore del peritoneo per almeno 5 mm.

L’incidenza della localizzazione intestinale è compresa tra il 5.3% ed il 12% del totale delle pazienti affette da endometriosi, con una frequenza maggiore per la giunzione rettosigmoidea ed il retto (le cui incidenze si aggirano rispettivamente attorno al 70% ed al 90%).

Sono stati pubblicati molti studi sul trattamento laparoscopico dell’endometriosi profonda infiltrante.

Le complicanze postoperatorie possono essere sia di tipo funzionale, come alterazioni vescicali o intestinali, che di tipo meccanico, come perdite o stenosi del sito anastomotico.

Il restringimento e la conseguente stenosi del sito di anastomosi chirurgica è in realtà una complicanza descritta in diversi studi per quel che riguarda la resezione rettosigmoidea laparoscopica, eseguita con tecnica a doppia stapler, in pazienti affette da endometriosi.

Nel presente studio sono stati analizzati l’incidenza, i fattori di rischio ed il trattamento per la stenosi anastomotica colo-rettale, a seguito di resezione laparoscopica in donne affette da endometriosi profonda infiltrante.

Devi Essere Abbonato per Visualizzare il resto dell'articolo.
ATTIVA IL TUO ABBONAMENTO

Share.

Comments are closed.